INTERESTS

Inthegarden - Un racconto su misura per Step Aboard

Un racconto su misura per Step Aboard

Leave review
In occasione della fiera Esxence 2022, abbiamo realizzato una serie di soluzioni su misura per l’azienda Step Aboard.

In occasione della fiera Esxence 2022, abbiamo realizzato una serie di soluzioni su misura per l’azienda Step Aboard.

 

L’evento Esxence – The Art Perfumery Event è dal 2009 l’Evento di riferimento della Profumeria Artistica internazionale. Per l’edizione di quest’anno, abbiamo affiancato un’innovativa etichetta di profumi, che mira a creare una nuova esperienza olfattiva: Step Aboard

 

L’idea alla base di Step Aboard nasce dalla ricerca e dall’esigenza dei due giovani fondatori di avere un profumo di intuitivo utilizzo, compatibile con capelli e corpo.
Un prodotto che crea stupore, unendo funzionalità d’uso, design dei graffiti ed emozioni olfattive. Un vero cambio di rotta nel design della profumeria di nicchia.

 

La scelta di materiali metallici richiama la forte impronta street del marchio, ricordando le atmosfere metropolitane di ispirazione al brand. La collezione è caratterizzata da un intreccio in SPLOT pensato appositamente per il brand. In questo modo, tutte queste creazioni sono dei pezzi unici

 

Il disegno dell’intreccio prende il nome di diffusio, la radice etimologica di diffusione. L’idea nasce dall’effetto della banda centrale ampia che va via via ad assottigliarsi, come un profumo si diffonde nello spazio per poi assottigliarsi e rimanere nella memoria

 

INTHEGARDEN è uno studio di menti creative con la passione per l’arte e
l’innovazione applicate al design. Un giardino dove esperti professionisti si prendono cura di ogni progetto trattandolo come un unicum, realizzando una soluzione su misura.

In questo senso, la nostra missione è raccontare la storia dei committenti attraverso la creazione di luoghi ed opere inedite. 
 

Read More
INTHEGARDEN a Packaging Première 2022

Packaging Première 2022

Leave review
Lo studio creativo INTHEGARDEN si racconta a Packaging Première 2022 con un percorso di installazioni site-specific.

Lo studio creativo INTHEGARDEN si racconta a Packaging Première 2022 con un percorso di installazioni site specific poste all’ingresso, nella Piazza Centrale del ristoro e nello stand F26, realizzato in collaborazione con Effect allestimenti.

 

Packaging Première è un'esposizione unica, dedicata a chi progetta packaging per il settore di lusso, ma non solo. La fiera si rivolge anche a chi realizza effettivamente il packaging ed ai grandi brand internazionali.

 

Il packaging di lusso è un mondo a sé. Dominato dalle forte personalità dei brand, il packaging di lusso si esprime in forme suggestive e originali. Packaging Première è il palcoscenico che valorizza tutta la filiera.
La novità dell'edizione di quest'anno, è che per la prima volta si incontreranno a Milano il mondo del luxury e del beauty packaging in un evento esclusivo. 

 

INTHEGARDEN partecipa a Packaging Première con un percorso di installazioni site specific che vi accompagneranno dall'ingresso alla piazza centrale del ristoro, fino allo stand F26, realizzato in collaborazione con Effect allestimenti. 

 

Il fil rouge delle installazioni sviluppate per la fiera è la nostra vocazione per il racconto. Attaverso le installazioni ed i progetti ci piace raccontare la storia più bella, quella delle aziende che collaborano con noi. 

 

Ogni progetto del nostro studio parte da un attento ascolto dei committenti per arrivare alla realizzazione di un prodotto su misura, si tratti di un privato o di un’azienda.
In questo senso, la nostra missione è raccontare la storia dei committenti attraverso la creazione di luoghi inediti.

Read More
Fuori salone 2021 INTHEGARDEN + Rossini Illuminazione

FUORI SALONE 2021

Leave review
Dal 5 al 10 settembre saremo presenti alla Milano Design Week 2021, in via San Marco 2, nel chiostro della Chiesa di San Marco a Brera.

Dopo un anno, INTHEGARDEN torna al consueto incontro del Fuori salone!

Dal 5 al 10 settembre saremo presenti alla Milano Design Week 2021, in via San Marco 2, nel chiostro della Chiesa di San Marco a Brera.

Per rendere ancora più speciale questo evento, abbiamo deciso di parteciparvi con dei nuovi prodotti, frutto di una collaborazione inedita. Al nostro fianco sarà ROSSINI ILLUMINAZIONE S.R.L., un'istituzione nel settore elettrotecnico, il sinonimo del "saper fare luce".

 

Come cornice a questo prestigioso evento avremo il meraviglioso chiostro della Chiesa di San Marco a Brera. 

Questa struttura vanta una storia interessantissima: ospitò il giovane Mozart, che vide Verdi eseguire in prima assoluta il Requiem composto per celebrare l'anniversario della morte di Manzoni. 

Inoltre, fino ai primi anni del '900, ogni mattina i barconi scaricavano la carta che, attraverso il naviglio, arrivava per stampare il Corriere della Sera in via Solferino. 

Inoltre, San Marco è la chiesa scelta dalla famiglia di Carla Fracci per le esequie dell'artista, con il feretro che è stato accolto con le musiche di Verdi suonate dall’organo del 1500, anch’esso monumento nazionale.

 

Lo spazio espositivo di San Marco occupa tutta la piazza e i chiostri ed è una delle aree più estese e importanti di zona Brera Design District (circa 650 mq.). 

 

Questo spazio ospiterà l'evento dOT - Design, Outdoor, Taste - giunto alla quarta edizione.

L’edizione 2021 di dOT sviluppa il tema del viaggio, inteso sia come esperienza di vita, sia come attitudine allo spostamento, all’esplorazione.

Nella piazza centrale confluirà un minipercorso ciclabile – mezzo e metodo di spostamento sempre più attuale e apprezzato – a fare da collettore e crocevia tra le ambientazioni proposte. Queste richiameranno diverse situazioni: la sabbia delle spiagge, gli scorci montani, le terrazze cittadine, il relax delle atmosfere country chic.

 

Insomma, una manifestazione che, nata per il business, si apre ora alla cultura e all’intrattenimento rivolti a tutti. Stefano Boeri, curatore dell’evento e Presidente della Triennale di Milano, descrive il Salone e in generale quest’anno come “un anno speciale in cui dobbiamo tenere conto delle esigenze del pubblico che dopo mesi di sofferenze ha bisogno di uscire e ripensare gli spazi dell’abitare”. 

INTHEGARDEN da sempre ricerca e progetta nuovi spazi e soluzioni per l’abitazione: non vediamo l’ora di mostrarvele!

Read More
Nuovo shoowroom INTHEGARDEN SPACE

Apertura INTHEGARDEN SPACE

Leave review
Inthegarden ha aperto il nuovo showroom INTHEGARDEN SPACE a Piacenza, in via Campagna, 32. Uno spazio di 100metri quadrati, con cinque ampie vetrine, suddiviso in tre aree: showroom, progettazione, laboratorio.

Inthegarden ha aperto il nuovo showroom INTHEGARDEN SPACE a Piacenza, in via Campagna, 32. Uno spazio di 100metri quadrati, con cinque ampie vetrine, suddiviso in tre aree: showroom, progettazione, laboratorio.

Nonostante il periodo complicato e triste causato dalla pandemia, Inthegarden prosegue il suo percorso verso nuovi traguardi produttivi e commerciali.

Nel negozio, raffinato e accogliente, sono presenti le opere più rappresentative delle ultime collezioni, mentre nell'area del laboratorio è possibile assistere alle creazione di nuovi oggetti, anche su richiesta. Infine, lo spazio della progettazione è disponibile per condividere nuove idee.


Orari di apertura dalle ore 8.30 alle 19.00, si riceve su appuntamento. 

Read More
I pensieri e i progetti non si fermano

Se l'economia rallenta...

Leave review
Se l'economia rallenta, i pensieri e i progetti non si fermano. È con questa filosofia che l'atelier creativo INTHEGARDEN sta approntando le nuove collezioni SPLOT, realizzate con speciali intrecci in alluminio. Nascono così complementi d'arredo, pan

Se l'economia rallenta...., i pensieri e i progetti non si fermano.

 

È con questa filosofia che l'atelier creativo INTHEGARDEN sta approntando le nuove collezioni SPLOT, realizzate con speciali intrecci in alluminio. Nascono così complementi d'arredo, pannelli decorativi, lampade e divisori per il retail e contract. Creazioni per la casa, per i negozi e le gallerie d'arte che attraverso la piattaforma 1STDIBS, sono mostrate e proposte in tutto il mondo:

 

1stdibs.com/the-craftcode/inthegarden

 

Per INTHEGARDEN, infatti, l’incontro tra i pensieri e le persone è lo spunto necessario a quella creatività da cui tutto deve avere inizio, perché  l’abbraccio tra fantasia e capacità tecnica diventi una forza generatrice di idee.  

 

Per realizzare insieme una nuova idea di futuro.

 

Read More
Artemest.com - l'ecommerce del lusso artigianale

INTHEGARDEN fa parte di Artemest.com - l'ecommerce del lusso artigianale

Leave review
Da oggi Inthegarden entra a far parte delle numerose realtà che attraverso Artemest vendono prodotti di design, décor e life style su scala globale. Artemest è la piattaforma e-commerce dedicata all'artigianato di alto livello made in Italy, che con

 

Da oggi Inthegarden entra a far parte delle numerose realtà che attraverso Artemest vendono prodotti di design, décor e life style su scala globale.

Artemest è la piattaforma e-commerce dedicata all'artigianato di alto livello made in Italy, che con più di 15.000 prodotti realizzati a mano da oltre 500 fra artigiani e designer, può attingere dal più grande network di produttori indipendenti del lusso al mondo.

Per aprire in bellezza proponiamo le collezioni Byzantium e Babylon, uno sforzo progettuale e produttivo a cui abbiamo dedicato davvero (davvero!) tanto, anche se è solo l'inizio. 

Il nostro augurio è che questo inizio, faticoso ma positivo e pieno di fiducia, possa corrispondere al sentire di ciascuno verso il 2020 appena cominciato, e a tutti i nuovi inizi che questo anno porterà. A voi (e a noi) buona fortuna!

Da oggi Inthegarden entra a far parte delle numerose realtà che attraverso Artemest vendono prodotti di design, décor e life style su scala globale.

Artemest è la piattaforma e-commerce dedicata all'artigianato di alto livello made in Italy, che con più di 15.000 prodotti realizzati a mano da oltre 500 fra artigiani e designer, può attingere dal più grande network di produttori indipendenti del lusso al mondo.

Per aprire in bellezza proponiamo le collezioni Byzantium e Babylon, uno sforzo progettuale e produttivo a cui abbiamo dedicato davvero (davvero!) tanto, anche se è solo l'inizio. 

Il nostro augurio è che questo inizio, faticoso ma positivo e pieno di fiducia, possa corrispondere al sentire di ciascuno verso il 2020 appena cominciato, e a tutti i nuovi inizi che questo anno porterà. A voi (e a noi) buona fortuna!

https://artemest.com/artisans/inthegarden

 

Read More
Distruggi vestiti? 29 brand su 35 non rispondono

Distruggi vestiti? 29 brand su 35 non rispondono

Leave review
La produzione globale di abbigliamento supera oggi i 100 miliardi di capi l’anno. Un quantitativo che allarma non solo per l’aspetto che concerne l’atto produttivo, ma anche quello ‘distruttivo’, il quale va a coinvolgere l’invenduto di questa produz

La produzione globale di abbigliamento supera oggi i 100 miliardi di capi l’anno. Un quantitativo che allarma non solo per l’aspetto che concerne l’atto produttivo, ma anche quello ‘distruttivo’, il quale va a coinvolgere l’invenduto di questa produzione massiva. Il ridotto avanzo di magazzino è oggi una delle carte che il lusso gioca per distinguersi dalle insegne del fast fashion, per le quali lo smaltimento comincia a essere un problema globale in termini di sostenibilità ambientale. Eppure, nonostante la Bbc abbia cercato di contattare 35 realtà operanti nel segmento di fascia alta per chiedere loro quale sia la pratica nel caso delle rimanenze, solo in sei si sono mostrate collaborative, mentre le altre o hanno detto di non poter fornire informazioni o non hanno proprio risposto.

L’indagine di Bbc è scattata in scia ai riflettori accesi nelle scorse settimane da Burberry, salito alla ribalta per aver dichiarato in bilancio, con massima trasparenza, di aver distrutto prodotti finiti per un valore di 28,6 milioni di sterline (oltre 32 milioni di euro) nell’ultimo esercizio. La società britannica ha anche spiegato di essere stata ‘costretta’ a distruggere ingenti quantitativi di prodotti invenduti per evitare di dover venderli a prezzi ribassati, pratica che avrebbe potuto minare l’allure di esclusività del marchio.

Il clamore sollevato da Burberry ha quindi rotto un primo muro riguardante la pratica di distruggere abiti perfettamente funzionanti. Ma il silenzio rimane ancora la prima risposta, nonostante la questione stia ormai diventando una delle principali problematiche che riguarda tanto il fast fashion quanto il lusso.

Read More
In Francia la ‘legge anti-sprechi’ blocca la distruzione dell’invenduto

In Francia la legge "anti-sprechi" blocca la distribuzione dell'invenduto

Leave review
La Francia dice no agli sprechi. Il Senato francese ha infatti approvato la ‘Loi Anti Gaspillage’, ovvero la legge anti-sprechi, come la chiamano in Francia, così da favorire un’economia circolare. Nello specifico, la legge, presentata il 24 settembr

In Francia la ‘legge anti-sprechi’ blocca la distruzione dell’invenduto

La Francia dice no agli sprechi. Il Senato francese ha infatti approvato la ‘Loi Anti Gaspillage’, ovvero la legge anti-sprechi, come la chiamano in Francia, così da favorire un’economia circolare. Nello specifico, la legge, presentata il 24 settembre in prima lettura, si focalizza su quattro punti fondamentali che spaziano dal fermare gli sprechi per preservare le risorse, alla mobilitazione degli industriali per sviluppare nuovi metodi di produzione, dall’informare i cittadini così da farli consumare meglio fino alla raccolta dei rifiuti. In questo senso, pertanto, la legge proibisce la distruzione dei prodotti invenduti, i quali dovranno essere riutilizzati o riciclati.

La legge sarà poi esaminata dall’Assemblée nationale e approvata entro fine anno. 

Tra le ‘vittime’ della Loi Anti Gaspillage compare anche la moda. Come riporta il documento ‘Loi anti-gaspillage pour une économie circulaire’, infatti, il divieto coinvolge anche i prodotti tessili, i quali, si legge, vengono distrutti ogni anno in Francia nell’ordine tra le 10.000 – 20.000 tonnellate. Pertanto il divieto di eliminazione va a rivolgersi anche a produttori, distributori e piattaforme online, anche appartenenti al settore del lusso.

Il mondo della moda, negli ultimi anni, ha fatto parecchio discutere per via della pratica diffusa di distruggere l’invenduto. Tra i casi più eclatanti c’è quello di Burberry che aveva reso noto di aver fisicamente distrutto prodotti finiti per un valore di 28,6 milioni di sterline (oltre 32 milioni di euro) nel 2018. Una pratica su cui, poi, ha però deciso di intervenire con strategie alternative.

 

Read More